mercoledì 22 maggio 2024

Parar el tiempo

He parado un momento: 

busco paz en el tormento.


Por la mañana levantarse,

despertar a los niños e irse 

de prisa en el tráfico lento:

en un rato no queda tiempo

llego con retraso y miento.


Quiero volver a respirar:

el agobio es sufrimiento.

 

Vuelvo rápido a mis tareas

caos dentro y fuera mareas.

Mi mente no tiene descanso

el reloj marca manso los minutos 

que de mi condena son verdugos.


Al final todo llega, nada falta

donde el tiempo no hace falta.


Sopravvivere a se stessi

Ho deciso di vivere ancora tante vite:

di gioire e soffrire innumerevoli volte

raccontando di brindisi fra veri amici,

serate danzanti, dispetti dei nemici e

silenzi devastanti dei vecchi amanti.


Chiedo di sopravvivere a me stessa

di rotolare giù per la aspra discesa

scrollandomi di dosso l'incertezza;

vedo il precipizio ingenuo dei ricordi

continuando a scalare 

una cordata di sogni.





lunedì 29 aprile 2024

Finalmente domenica!

Domenica significa anche relax, significa che mi posso permettere di indugiare un po' fra le lenzuola, che posso anche perdere un po' di tempo divagando dopo il caffè, che l'urgenza della vita non mi assale come durante la settimana.

Poter scrivere qualche riga, anche se la casa è in disordine e so bene che se non porterò io giù la cesta dei panni da lavare nessuno lo farà, se non li metterò in lavatrice, scoppierà il dramma della maglietta da pallavolo ancora sporca, del pantalone preferito che non si può indossare.

Domenica significa anche pranzo di famiglia e dunque non dovrò cucinare ma ci saranno due primi e due secondi, contorni e dolci. È un vizio e un privilegio domenicale.

Un tempo significava anche messa festiva, alla quale giungevo sempre in ritardo, dopo urla e litigate poiché mio marito non era mai pronto e i miei figli bisticciavano, con una fatica enorme per vestirli e sistemarli perché fossero presentabili, mentre io arrivavo come una pellegrina che aveva appena terminato il "Camino de Santiago".

Ora sono cresciuti, si arrangiano di più, a volte non vogliono venire, a volte io vado di sabato.

Le mie domeniche sono però anche giornate di lavoro: quando ho pacchi di verifiche e testi da correggere sul tavolo, come oggi, devo mettere in conto almeno tre ore di correzioni con qualche pausa di aria per il cervello e una passeggiata al parco vicino a casa.

Le domeniche più belle però sono quelle delle gite con le amiche: le ricordo tutte e purtroppo sono sempre più rare per la concentrazione di impegni e la difficoltà logistica di incontrarci, vivendo alcune di loro anche in città lontane.

Da bambina, di domenica si andava alla casa in collina, era un'abitudine. La casa è un edificio di inizio Novecento a tre piani in pietra e calce bianca restaurato alla buona negli anni '70, dove avevano vissuto mio padre e la sua famiglia fino alla morte del nonno e dunque disabitata già alla fine degli anni '50. Immersa nel verde del Parco naturale delle Foreste Casentinesi, era riconoscibile da lontano per il tetto rosso e i cipressi che le facevano un semicerchio intorno.

Fuori, il grande tavolo di cemento sotto al noce dove si pranza a tutti insieme.

Lì mi era possibile tutto... fuorché farmi male: potevo correre, saltare, fare finta di volare, salire sugli alberi, giocare a nascondino, andare in altalena, cercare il fantasma "formaggino"...

Ero quasi sempre la più grande dei cugini e altri bambini ospiti e dunque proponevo o imponevo i giochi. Costringevo tutti ad entrare nel club della casa sull'albero che mio padre mi aveva costruito su di un pero selvatico, tenevo l'elenco dei soci e lo aggiornavo con zelo. Oppure, li convincevo a recitare di notte, nel giardino buio sotto casa, scene patetiche che avevo ideato e con una torcia li illuminavo, fingendo di essere un regista e di effettuare riprese cinematografiche.

D'estate si scendeva la strada ghiaiata fino al fiume, un piccolo torrente ostruito da rami e sassi franati. Ci immergevamo nell' acqua bassa e gelida, fra i sassi, per catturare i girini che imprigionavano in qualche diga da noi costruita in acqua oppure facevamo il bagno, estremamente tonificante per placare un po' le nostre energie di bambini che non conoscevano né cellulari, né i videogiochi. Lassù non vi era neppure la televisione.

Pare trascorsa una vita... Sono trascorsi circa 35 anni da quando il suono delle nostre voci di bambini felici è sparito per sempre.

Mio padre si ammalò, iniziò a frequentare medici e ospedali, a trascorrere anche lunghi periodi ricoverato e non giunse alla seconda estate.

Intanto io crescevo e, per forza e dovere, cercavo di diventare adulta.

Ancora oggi associo alla casa di collina che ora frequento pochissimo, un tempo meraviglioso di libertà e spensieratezza in compagnia della mia famiglia e di zii, cugini e amici, un tempo di vera festa.

mercoledì 17 aprile 2024

In assenza di tempo

Non mi figuro più

L'amore

Tempesta di rugiada

Immersiva


Più che altro

vento

Che soffia ora intenso

O se tace

Scompare in un momento


Oppure

Onda bassa

Ora alta e ruggente

Che in un istante 

travolge e sommerge

Corrode 

Baciando la riva 

poi, di nuovo, la spoglia

ma non duole.


Sentimento potente 

o inesistente, dell'anima 

urgente tormento 

o talentuoso portento

a cielo aperto

in assenza di tempo.













martedì 16 aprile 2024

Per gioco

Lontano

stasera il FIRMAMENTO:

INVISIBILI PUNTI luminosi

si accalcano lassù 


AMABILE baccano

le parole fra amici

per disperdere 

il DOLORE della distanza 

quaggiù 


PREGNO di frastuono il cuore

STRUGGIMENTO dal sapore intenso 

ARCANO stupore, genera l'amore!


venerdì 5 aprile 2024

Rinascerò (Pasqua 2024)

Con la Pasqua festeggio la vita

che rapida mi scorre
fra le dita
con l'ansia di volare,
eppure sono qui,
ancorata a terra,
e non mi resta che
la pazienza di aspettare.

Celebro la vita,
quel tempo finito
tra la data della nascita
e quella della morte
che nessuno conosce,
per qualcuno
così breve
e per altri sprecato.

Quella bellezza del sentire
la pelle arrossire,
una carezza, un bacio,
lo sguardo amorevole di genitori,
il gusto delle fragole mature,
le risate dei bambini giocare,
l'abbraccio degli amici,
l'immensità di un tramonto
sul mare.

E poi?

E poi soffierà un vento freddo
si oscurerà il cielo,
faticherò,
piangerò,
forse
emetterò un gemito:

come quando sono nata,
rinascerò
e, forse, imparerò
di nuovo
ad andare in bicicletta.


mercoledì 13 marzo 2024

Forever bound

Just an ancient friend

Lack of any fears

Sitting in front

Drinking beer

Reach a shelter 

on a beach

Stay together 

and not speak

Magic silence

Eyes audience


Imagine other Future 

Remember old picture

Regarding wild nature







mercoledì 21 febbraio 2024

Cantare il sole

Canta il sole

salendo le scale

anima viva

gambe stanche


Vola l'orizzonte

rotola, accanto rimbalza 

poi stacca, più avanti avanza

ma il sangue scorre ancora


Detersivi corrosivi

Straccio e scopone

Panni stesi e polvere

Tolta


Mi siedo sul divano

respiro, 

guardo ancora lontano

nient'altro importa

sabato 20 gennaio 2024

In treno

Osservo il tramonto

a bordo di un treno

che corre veloce

fra la campagna,

verso la periferia.


Mi ricordo

che sono ancora viva,

mi stupisco della bellezza

dei colori e amo la vita

ché ancora, la mia corsa,

non è finita.




martedì 26 dicembre 2023

Vivere o morire

Ogni istante

si decide se vivere 

o morire


È una lotta feroce

che si consuma

veloce

ogni volta

che rinunci a ciò

che ti fa felice.



Parar el tiempo

He parado un momento:  busco paz en el tormento. Por la mañana levantarse, despertar a los niños e irse  de prisa en el tráfico lento: en un...